Mi farebbe piacere...

Ciao e benvenuta/o in questo Blog. Mi piacerebbe tu esprimessi un pensiero sul mio... mondo di colori. Grazie!

OSCILLARE

(Hermann Hesse)-"Già fin d'allora i sentimenti erano quelli che dovevano restare per sempre: l'incertezza del proprio valore, un continuo oscillare fra l'autostima e lo scoraggiamento, fra un idealismo al di sopra delle cose del mondo e un naturale appetito dei sensi, e come allora, anche cento volte più tardi ho visto quei tratti della mia natura talvolta come una spregevole malattia, talaltra come segno di merito."

mercoledì 23 dicembre 2009

La teologia di Etty

BUON NATALE
Oggi ho fatto il presepe. Sapevo da giorni che questa mattina doveva essere quella buona e infatti le circostanze mi hanno favorito. Ho scelto, come augurio per chi leggerà, un pensiero forte di Etty, dal Diario che Teresa mi ha regalato per Natale dopo avermene parlato mesi fa. L'ho letto con crescente stupore, davvero straordinario.
Per sostenere la tavoletta che porta il presepe, la stessa che uso per i colori (amicoso regalo), ho usato il bastone acquistato simpaticamente per me da Renzo cugino ad Asiago.
E' il mio aiuto 'leggero e casalingo' di oggi al 'mio Dio' , su consiglio di una ragazza ebrea di Amsterdam di 27 anni, incredibile testimone di vita.

Preghiera della domenica mattina.

Ti prometto una cosa, Dio, soltanto una piccola cosa: cercherò di non appesantire l’oggi con i pesi delle mie preoccupazioni per il domani – ma anche questo richiede una certa esperienza. Ogni giorno ha già la sua parte. Cercherò di aiutarti affinché tu non venga distrutto dentro di me, ma a priori non posso promettere nulla. Una cosa, però, diventa sempre più evidente per me, e cioè che tu non puoi aiutare noi, ma che siamo noi a dovere aiutare te, e in questo modo aiutiamo noi stessi. L’unica cosa che possiamo salvare di questi tempi, e anche l’unica che veramente conti, è un piccolo pezzo di te in noi stessi, mio Dio. E forse possiamo anche contribuire a disseppellirti dai cuori devastati di altri uomini. …. Io non chiamo in causa la tua responsabilità, più tardi sarai tu a dichiarare responsabili noi.
E quasi a ogni battito del mio cuore,
cresce la mia certezza:
tu non puoi aiutarci,
ma tocca a noi aiutare te,
difendere fino all’ultimo
la tua casa
in noi.
12 luglio 1942

da “DIARIO. 1941–1943” di Etty Hillesum. Adelphi Edizioni 1986.

venerdì 18 dicembre 2009

Tempo di attesa, tempo di speranza.


Fattorie nella neve - Acquerello 2001

Cate è uscita da poco, l'aspetta la consueta serata di festa natalizia con i bambini della Scuola. Fa molto freddo anche qui in valle, troppo per la neve che perciò non è ancora arrivata. Solo ieri mattima un leggerissimo velo ricopriva l'auto in corte, Carla, alle prese con i suoi nevosi acquerelli-dono, mi diceva che Piovene era tutta bianca mentre Virgi, di sera e dopo che in tv aveva visto Vicenza imbiancata, mi telefonava e condivideva la sua soddisfazione per l'allestimento della collettiva di Natale.
A ridosso dei monti la situazione è particolare, sentiamo che nevica in pianura e qui niente, sono le correnti fredde che impediscono al cielo di costruirsi le nuvole giuste e di assumere quel grigio plumbeo che fin da bambino ho imparato ad osservare come segnale di nevicate imminenti. L'aria è pungente, stanotte perfino il ghiaccio, cosa molto rara, ha disegnato i doppi vetri della finestra che dalla cucina guarda a nord-ovest.
Il breve suono di un sms mi informa che anche nei dintorni di Milano sta nevicando e allora... 4 ciàcole amichevoli si inseriscono volentieri a colorare il vissuto di questo tardo pomeriggio.
E' bello osservare come ci si sente uniti dai colori e come parte della nostra semplice ma intensa vita quotidiana entra anch'essa a costruirli. A volte sono colori leggeri e luminosi, ci piace assecondarli e soffriamo quando lasciano il posto a quelli + freddi e scuri.
Ma il tempo di attesa che stiamo vivendo ci mostra una Via di speranza. Lungo di essa ci si può inoltrare ed è possibile accogliere un Amore che invade l'animo fin nel profondo e riscalda e dà senso ai giorni della vita.
Accompagno i miei pensieri con un acquerello la cui atmosfera continua a darmi gioia; si è pure meritato un premio nel nostro 'piccolo' concorso di zona.

mercoledì 25 novembre 2009

Zucche di altre stagioni

Natura morta con zucche - Acquerello 1997

Oggi, una giornata particolare. Rosa, la mamma di Cate, compie 87 anni, il traguardo + avanzato nelle nostre famiglie! Ma altri momenti intensi mi sono stati regalati, desidero ricordarli e lo farò con un cambio di... rotta imprevedibile fino a ieri. C'è stato un lungo periodo in cui ho studiato composizioni di nature morte, predisposte in casa con quanto avevo a disposizione e usando come sfondi perfino tovaglioli di vario tipo che sceglievo rovistando nei cassetti e poi appendevo ad una vetrinetta (quella che mostro ha avuto la gioia di essere premiata). Diverso quanto succedeva in Soffitta, dove gli oggetti impolverati mi davano stimoli così ricchi e diversi al punto da rendere difficile la scelta. Mostrerò qualche acquerello + avanti come misura di un luogo per i colori e di un'esperienza che rimangono fortemente impressi dentro il mio animo.

lunedì 16 novembre 2009

Variazioni di paesaggio

Variazioni di paesaggio - Acquerello 2008

Non so se questo ciclo di paesaggi si concluderà oggi
o se sarà ripreso più avanti.
L'autunno continua a regalare giorni
godibili per temperatura e sensazioni,
ma i colori assumono le sfumature di terra che,
insieme ai grigi e alle variazioni di viola,
costituiranno i toni di fondo dell'ambiente vallivo.
I monti invece, graffiati dal segno inciso dei tronchi del faggeto
e contrappuntati dal verde cupo dei pini,
si ammantano via via di toni soffusi nelle gamme dei blu,
in attesa del bianco di neve invernale.
Solo allora toccherà alla luce del sole variare di continuo,
con luci e ombre, i caldi colori del mattino,
sfavillanti di gioia in pieno giorno
e soffusi di tenero rosa nell'ora quieta del tramonto.
Le ombre fredde scenderanno infine ad avvolgere e a velare
di arcano silenzio questo strano mondo animato;
solamente il chiarore diffuso della luna
riprenderà a tesserne le trame,
nella magica atmosfera di notti lunghe e solitarie.

lunedì 2 novembre 2009

Novembre e...


Autunno a Laghi - Acquerello 2001                              Sabato mi sono inoltrato in Val Posina (ne accennavo ad Alex), con l'occasione della visita dei cugini la trattoria che già ci aveva soddisfatti l'anno scorso è divenuta mèta anche quest'anno. L'imbocco per Val Rio Freddo si incontra a destra salendo, la valle è piuttosto breve, la strada stretta che costeggia il torrente porta dritti alla base sud dell'altopiano di Tonezza. Da lì si può scorgere la cima dello Spitz, ci siamo saliti insieme perfino due volte, la prima quando le nostre figlie erano ancora piccoline, è venuto spontaneo ricordarlo mentre con gli occhi ripercorrevamo tempi ormai lontani. I boschi hanno raggiunto il culmine dei colori d'autunno, i faggi danno il tono maggiore delle varianti calde, ma scure macchie di abeti e gialle pennellate di larici si intravedono nelle zone alte. In basso, invece, tinte rossastre, brillanti se colte dalla luce del sole, portano al segno degli alberi da frutto che ornavano il 'brolo' delle case contadine. Spiegavo a Renzo che così era detto il terreno circostante coltivato a pascolo, sicurezza di fieno in inverno per le poche vacche custodite nella stalla, al piano terra dell'abitazione. Era condizione logica e diveniva pure un bel modo per riscaldare la cucina che stava sopra; le camere no, quelle potevano al massimo riservare la magìa dei fiori di ghiaccio ai vetri delle finestre nelle mattine + fredde.

Osservavo assorto nell'intenso silenzio e riascoltavo i battiti veloci del cuore di un bambino mai stanco di percorrere beato boschi e prati e saltare ruscelli e calpestare campi coltivati. Passavo furtivo tra le piante del 'sorgo', arrivavo ai 'graspi' dell'uva matura, l'unica 'visèla' di bianca (dolzeta) aveva un sapore delizioso, i rimproveri aspri del nonno mi impaurivano ma non contenevano il mio desiderio di vita aperta.
Rifletto, in questo giorno che ricorda i morti: quante persone sono passate oltre e rimangono tuttavia ancora così vive nei nostri cuori. Quanto della nostra vita è ancora impregnato delle loro vite, come è impossibile dimenticare affetti, emozioni, momenti, episodi, difficoltà e sofferenze anche, ma soprattutto quel sentimento caldo che ancora avvolge con cura la nostra esistenza e la sostiene. E' un legame che dura, quello del sangue, merita perciò tutto l'impegno di cuore e intelligenza affinchè la vita trasmessa ne riporti quel bene prezioso di cui ogni persona sente la necessità primaria e vitale.

mercoledì 21 ottobre 2009

Immagini di vita


Temporale - Acquerello 2001

Piove. Già l'aria carica di umidità lo faceva intuire. Una pioggia leggera bagna la valle infreddolita dai giorni d'inverno anticipato. Nel silenzio che si sta rabbuiendo l'atmosfera mi rimanda al tempo delle castagne e alla 'sera dai morti'. In quegli anni non si usciva di casa e il silenzio si faceva religioso, rotto soltanto dal suono prolungato delle campane che col passare dei minuti e l'accumulo dei rintocchi riusciva a diventare lugubre per noi giovani che nei giorni di festa amavamo uscire per incontrarci.
Il rispetto dovuto e insegnato non ammetteva repliche, mentre il dolore di lutti recenti riceveva conforto in lacrime nascoste dalla penombra della piccola stanza. Capitava a volte che lo scoppio improvviso di una castagna posta a cuocere sulla stufa a legna scuotesse l'aria pesante e riportasse alla vita. Una vita semplice, fragile, non priva di difficoltà e sofferenze, ma vissuta con animo di fede, sereno e aperto al futuro.

martedì 13 ottobre 2009

Tavolozza in forse


Tavolozza autunnale - 2008

Raffiche improvvise di forte vento hanno portato ieri mattina una pioggia fitta e fredda; batteva con forza su muri e finestre, dava l'impressione di voler scuotere la casa. E' durata soltanto pochi minuti, sufficienti del resto a far capire che l'autunno è deciso ad entrare alla grande, preannunciando non solo la sua splendida tavolozza di colori ma anche giornate in cui cogliere da lontano il sentore di neve caduta sulle cime elevate.
Mi sono affacciato ad osservare l'alta valle dell'Astico, il colore grigiastro del Verena dava testimonianza del cambiamento in atto.
Poi, come dopo uno sfogo nervoso, la pioggia è cessata, qualche folata sparsa ha lasciato campo ad una quiete strana ed a sprazzi di luce. Ligio al compito affidato, potevo dunque 'esporre' le lenzuola dal terrazzo; l'aria, per quanto umida, le avrebbe asciugate in giornata.

martedì 6 ottobre 2009

I Colori dell'Autunno

Colori d'autunno - Acquerello 2008


Anche oggi ho camminato ai limiti del bosco
e ci son pure entrato per un breve percorso.
La luce filtrava fioca,
l'umida foschia attutiva il timbro dei colori,
qualche contrasto appena,
il resto avvolto nel verde oramai spento.
Fitti i tronchi protesi al cielo,
tante le foglie morte sul terreno bruno,
qualcuna ancora verde,
staccata anzitempo dal freddo della notte.
Silenzio intorno e pensieri leggeri.

Altro ambiente in 'Colori d'autunno'...

mercoledì 30 settembre 2009

Rosso di sera

Rosso di sera - Acquerello 2008


Nel pomeriggio il tempo si è fatto nuvoloso, forse Settembre non è così convinto di doversene andare oppure si traveste da Ottobre per non farci provare poi troppa nostalgia. Ma non mi va di adattarmi così, su due piedi, alle nebbie autunnali e, per contrasto, posto "Rosso di sera" del 2008.

lunedì 28 settembre 2009

Vedute autunnali

Ho avuto occasione di muovermi lungo le valli, in questo periodo. Dominano ancora i verdi (colori!), quest'anno + imperanti che mai per le piogge che hanno caratterizzato la stagione primaverile. Qui da noi la calda estate si è fatta sentire saltuariamente, Settembre ci sta regalando giorni tuttora splendidi, una continua tentazione di vita all'aperto, una possibilità prolungata di respiri a pieni polmoni. Sto scrivendo e colgo appena la campana della sera, sono le otto: di sicuro una preghiera sale dal cuore alle labbra di qualcuno e accompagna i rintocchi che si spengono mentre la luce cede il passo al buio della notte incipiente. Osservavo sti giorni i miei lavori autunnali degli ultimi due anni. Ancora seriali, ancora la ricerca di un modo per catturare un mondo che in autunno sembra rotolarsi beatamente sopra la tavolozza + ricca e fantasiosa. Credo che ne sceglierò alcuni per tentare di cogliere, se possibile, un messaggio nascosto che mi indichi come andare oltre. Intanto posto il primo, che compie oggi 2 anni giusti giusti!

giovedì 10 settembre 2009

Roselline per il tempo di Sara


Di questi tempi la notizia appena giunta che Sara, grande figlia,
è approdata al tempo indeterminato merita di essere condivisa.
Mi pare bello postare delle roselline che lei ama
in modo particolare e che ha fatto sue a prima vista.
E' segno del nostro affetto accompagnato dall'augurio
per un percorso che, seppur impegnativo,
le dia soddisfazione e un po' + di serenità.

mercoledì 2 settembre 2009

I colori dell'amicizia 2009


E' piena di silenzio e di colori la giornata a Condino. Sveglia alle 7, meditazione e colazione. Poi 4 passi veloci con Cate, entro le 10 vogliamo rientrare per non perdere il messaggio che p. Andrea intende proporci.
Al di là di quanto serve per una buona pratica, la settimana è punteggiata dalla lettura di un libriccino su S.Francesco, delizioso; molti di noi ne hanno acquistato anche + copie.
Le vie del paese al mattino sono pressocchè deserte, qualche signora rientra con la borsa profumata di pane (quello integrale con i semi di girasole è una manna!), i tavolini del bar vedono gli amici affezionati sfogliare il giornale sorseggiando un buon caffè.
L'aria è ancora frizzante, lo sguardo si perde tra i colori dei giardini e degli orti rigogliosi.
Grandi case sfilano una accanto all'altra, forti e caratteristiche, con grandi granai che un po' alla volta diventano alloggi, piazzette ci accolgono col mormorio delle vecchie fontane.
Ci sentiamo a casa, si può dire, o perlomeno in un luogo che ormai ci è familiare.






Verso le 3 del pomeriggio raggiungo il rustico dove si tiene il corso. Grandi finestre si aprono alla luce del cortile che dà sull'ingresso. Un vocìo continuo caratterizza il gruppo, contenuto tuttavia da musiche varie che accompagnano il lavoro.


Il caldo non dà tregua ma è mitigato da folate di vento che fanno svolazzare gli acquerelli messi ad asciugare sui davanzali.
Timide incertezze nella scelta dei soggetti, colori usati con grinta o troppo diluiti, richieste di conferma o di aiuto, sconforto e gioia si fanno compagnia. Giorno dopo giorno si crea + confidenza, ci si conosce meglio, ci si osserva curiosi, chi + vivace, chi nel silenzio con animo assorto. Venerdì arriva veloce, così gli acquerelli diventano quadri e poi mostra; volentieri si accostano ad altri che già abbelliscono le pareti del chiostro.
Stefano mi aiuta fino all'ultimo, deve partire alla sera ma vuole vedere il lavoro concluso.

Riprende la voce che racconta Francesco. Nel silenzio della sala entrano allora anche i colori, per mescolarsi con parole di serenità e di pace.

mercoledì 19 agosto 2009

Un tempo e un luogo



Chiesetta di San Martino - Acquerello 1988

C'è stato un tempo sospeso in cui ho dovuto soltanto immaginare (grazie a Dio) lo strano gusto di una vita che avrebbe potuto interrompersi troppo presto. In quel tempo mi è stato fatto il dono di ascoltare parole che mai più avrei udito ancora, di quello stesso viscerale timbro di chi grida un amore totale che vuole diventare salvezza. Sono stati giorni in cui più volte sono arrivato alla chiesetta che qui mostro in acquerello (altri tempi altri colori). Lassù avvenivano fatti che hanno diviso il mondo. Spesso ancora accade: qualcosa di misterioso arriva a rompere, a dividere le menti e i cuori, a mettere una parte contro l'altra. Sembra che fede e ragione debbano continuare in assoluto uno scontro feroce fino alla fine dei giorni. Mi chiedo allora: perchè non affidarci alla bellezza-bontà che tutti sappiamo esprimere e farla diventare il filo d'oro per incontrarci e riconoscerci, 'disarmati' e arrendevoli? Non siamo perdenti nè diminuiamo noi stessi quando ci mettiamo sullo stesso piano, per ascoltarci, per guardarci negli occhi, per assumere riconoscenti anche quella parte di verità che non sia la nostra.
Vado a Condino sabato: è un luogo che permette il confronto con un messaggio frutto di ricerca paziente e umile. Molte persone nel corso dei secoli hanno scelto modi di vita, coltivato pensieri, pronunciato e scritto parole che anche a noi ora sono offerti. Fede-fiducia non significa chiudere gli occhi e procedere alla cieca, è semmai un atteggiamento dell'essere proteso alla consapevolezza, per ri-conoscere che esiste la possibilità di una Vita Piena, al di là e nonostante i nostri limiti e le povertà con cui dobbiamo ogni giorno fare i conti.

martedì 11 agosto 2009

Colori di un luogo fuori dal tempo

Uscivo sul terrazzo, poco fa, per 'dare da bere' ai fiori con cui Cate ha voluto, passato l'inverno, ridare colore e vita ai nostri sguardi verso l'esterno. Cantava un gallo ed è stato subito Ceves: là una coppia di galli giocava a 'botta e risposta' fintanto che uno si stancava e l'altro si... adattava. Dal terrazzo della camera un panorama stupendo comprendeva le cime di Sasso lungo, Sasso Piatto e Gruppo del Sella (e.c.). Giorni intensi prima di BFroy.

Trasferimento sabato 1, mattino a Laion, piccoli acquisti e breve passeggio verso la collina a ovest, sosta dalla Frida (molto frequentata dagli amici di BF), ottima zuppa d'orzo e torta di ricotta, una sua specialità, dentro una stube meraviglia per gli occhi.
La vita a BF è ben strutturata, nel pomeriggio spazio ai colori, in libertà e benessere.



Una mostra molto semplice permette di farsi un'idea sul corso. Spunti diversi, desiderio di vedere e di capire, soprattutto di 'provare'.


Mercoledì la gita collettiva, giovedì pomeriggio in 20 sono saliti ai prati per ammirare le Odle al tramonto. Cate dice di aver vissuto uno dei + bei momenti di montagna. Beata lei, io mi godo le foto stupende che ha scattato anche per me.

 
E' stato bello, come sempre. Basta condividere i colori e subito cessa quel dubbio sul percorso che a volte si affaccia e disturba i pensieri.


NO, chi si scopre in grado di portare un messaggio non può rinunciare al compito in cui si sente coinvolto, sottrarrebbe a qualcuno la gioia di incontrare colori di vita e si priverebbe dell'emozione di poter ascoltare commenti tipo 'mi hai spalancato un mondo...' e domande 'vieni ancora il prossimo anno?' e scelte 'in Settembre mi iscrivo ad un corso annuale...'.
Giusto?

venerdì 24 luglio 2009

Verso Bagni Froy


Stiamo pensando alle valigie, a giorni ci aspetta la montagna della zona di Bagni Froy, quella che abbiamo imparato ad amare in questi ultimi anni.
La zona di Bressanone l'abbiamo scoperta nel 1988, al mare ci saremmo andati solo in Settembre, quindi decidemmo per la prima uscita di famiglia verso l'Alto Adige-Sudtirol. Allora le ricerche le facevamo richiedendo informazioni, pieghevoli e cataloghi alle Aziende Turistiche; ricevere i materiali era sempre un piacere, cominciava l'eplorazione e si individuavano le case da contattare per telefono (altro che web!).

Un soggiorno di cinque giorni era nelle nostre intenzioni ma arrivati al maso incantato di Klerant i giorni sono diventati nove: era molto più che il luogo dei nostri sogni, la collocazione alta sulla valle, la fattoria con gli animali, i rintocchi della piccola campana al mattino e Giuseppina, con cui i nostri figli se la spassavano giocando a carte prima di andare a letto. Ne sono passati di anni ma il ricordo è ancora pregnante, simpatici episodi ritornano nel nostro periodico raccontarci.
Ora andiamo in due... per vivere una dimensione attesa con la viva speranza che solo certi luoghi sanno riaccendere e anche lì i colori giocheranno il loro importante ruolo.

lunedì 13 luglio 2009

Azzurro mare

Dunque a Rosapineta ci siamo rimasti solamente per una settimana
che a definire indecente è forse ancora poco. E tuttavia ringrazio gli amici benauguranti mentre non oso neppure lamentarmi, nella vita ben altro interviene e fa davvero paura. Pioggia e vento freddo mi hanno del resto permesso un tempo dedicato ai colori, cosa chiedere di meglio in alternativa ad una spiaggia... desolata?

mercoledì 1 luglio 2009

Al mare


Sabato ce ne andiamo al mare a Rosapineta per una settimana, forse 2, chissà! Mi pare naturale accompagnare il saluto a chi rimane e l'augurio a chi può andarsene in vacanza con uno dei miei acquerelli marini.
Ciao e a presto.

sabato 27 giugno 2009

BimbiColori

Sono ancora immerso nell'esperienza colorosa che ho avuto la gioia di condividere con un bel gruppetto di bambini.


L'idea ha avuto origine da un incontro 'casuale' con Francesca nello scorso mese di Ottobre, mentre noi del gruppo "La via dell'acquerello" eravamo in mostra nella piazzetta di contrà Maso. Un sole stupendo riscaldava quel giorno d'autunno, il luogo era sospeso nel silenzio di altri tempi per essere risvegliato solo dall'arrivo vivace dei partecipanti alla passeggiata promossa in difesa del Brustolè.



Curiosità e desiderio hanno creato le premesse per un mini laboratorio di cui ora mi piace mostrare alcuni... frutti.




Ho attinto al metodo già collaudato un anno fa con la classe di una Scuola Elementare. L'ascolto attento (supportato dalla visione delle immagini ad acquerello che le illustrano) di alcune fiabe della collana "Fiabe in famiglia", ha permesso al gruppo di sperimentare una tecnica poco usata ma suggestiva e sorprendente per gli effetti magici che i colori in acqua sanno creare.

In un ambiente sereno e molto ospitale ho incontrato così nuovi colori, freschi e luminosi. Mi hanno permesso, ancora una volta, di assaporare il senso vero del messaggio che ogni tanto vengo chiamato a portare.

lunedì 22 giugno 2009

S.Luigi e la digitale


Domenica mi son fatto gli auguri regalandomi un tempo per l'acquerello. Porto avanti la mia ricerca sui colori e sulla luce con paesaggi che si ripetono da un paio d'anni (serialità o monotonia? Via Riello insegna...). Cate, invece, interprete della famiglia coinvolta per giorni in complessi confronti, mi ha regalato una nuova digitale, super. La motivazione è piuttosto simpatica: recentemente alcune belle foto, che la vedevano protagonista, sono risultate 'spezzate'. Davvero un peccato e quindi... Per me ora basti l'impegno per portarmi all'altezza della... nuova macchina!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...