Mi farebbe piacere...

Ciao e benvenuta/o in questo Blog. Mi piacerebbe tu esprimessi un pensiero sul mio... mondo di colori. Grazie!

OSCILLARE

(Hermann Hesse)-"Già fin d'allora i sentimenti erano quelli che dovevano restare per sempre: l'incertezza del proprio valore, un continuo oscillare fra l'autostima e lo scoraggiamento, fra un idealismo al di sopra delle cose del mondo e un naturale appetito dei sensi, e come allora, anche cento volte più tardi ho visto quei tratti della mia natura talvolta come una spregevole malattia, talaltra come segno di merito."

venerdì 1 dicembre 2017

La neve, voce del silenzio


Neve in Via Riello

"Eccoti, neve leggera, prima sorella, nata prematura, 
ti riposi sui tetti arancioni delle case e ti sciogli toccando 
le nere strade, i bambini devono essere distratti stamattina, 
è attraverso i loro occhi che ti guardo ed è a loro nome 
che ti saluto, essendo il tuo silenzio e il tuo candore 
ciò che nel mondo meglio si accorda 
con le loro risate di tutti i colori." 
Christian Bobin - Autoritratto al radiatore
(AnimaMundi Edizioni)

domenica 22 ottobre 2017

Copiare


2017 - Villaggio - Acquerello

Osservo con attenzione tutto quanto si muove dentro il vasto mondo dell'arte. 
Mi soffermo con curiosità sulle opere ad acquerello, spesso mi chiedo
se dovrei cedere alla tentazione di copiare di più. Ma ho come l'impressione 
di percorrere una strada non mia e tuttavia so che molti artisti hanno iniziato 
la loro avventura artistica copiando i grandi maestri. Gli stimoli rimangono, 
la ricerca ne tiene conto, non fare il verso non significa dire sempre no 
al desiderio di passare anche attraverso l'esperienza altrui. Così ho ceduto: 
questo è il risultato della copia di un acquerello incontrato nel catalogo 
di Pinterest: "One Pink Goose: Watercolour Trees and John Blockley".
https://it.pinterest.com/pin/546835579726406853/

martedì 3 ottobre 2017

San Francesco e la Natura


2017 - Praterie di Passo Coe - Acquerello

«[…] Tutte le cose abbraccia con inaudito devoto amore, parlando loro del Signore 
ed esortandole a lodarlo. Lascia ardere le lucerne, le lampade e le candele, non volendo spegnere di sua mano il chiarore che è simbolo della Luce eterna. 
Cammina con venerazione sulle pietre, per rispetto di Colui che è chiamato 
“la Pietra”; e dovendo recitare quel versetto “Tu m’hai innalzato sulla pietra”, 
per parlare con maggiore rispetto diceva: “Tu m’hai innalzato sotto i piedi della Pietra”.
Ai frati incaricati di tagliar la legna proibisce di abbattere l’albero intero, affinché 
abbia la possibilità di dar nuovi polloni. All’ortolano comanda di lasciare intorno 
all’orto una striscia di terra incolta, affinché a tempo opportuno le erbe verdeggianti 
e i bei fiori possano lodare il bellissimo Padre di tutte le cose; e nell’orto vuole 
sia un giardinetto riservato alle erbe odorifere e ai fiori, che rammentino la fragranza eterna a chi li riguarda.
Raccoglie da terra i vermicciuoli per non farli schiacciare; e per le api, affinché 
non muoiano d’inedia nel gelo dell’inverno, fa disporre miele e ottimo vino. 
Chiama col nome di “fratello” tutti gli animali, sebbene prediliga tra tutti 
le bestiole mansuete.»
(Tommaso da Celano, Vita di S. Francesco d’Assisi, trad. a cura di F. Casolini, 
Assisi 1982, cap. CXXIV, pp. 340-41)

Sarebbe bello, nei nostri giardini pieni di fiori collocati in posizioni studiate, 
prediletti perché più grandi, belli e colorati, lasciare un angolo incolto, 
in cui la natura possa avere la libertà di seguire se stessa, esprimendosi 
anche con fiori semplici e minuscoli, che raccontano, 
più di tutti gli altri del nostro giardino, la bellezza di Dio.

(Published 29 agosto 2012 by )

venerdì 29 settembre 2017

Lago di Lavarone


2017 Lago di Lavarone - Acquerello

Quando il M° Libralato mi ha chiesto se conoscevo
un luogo dove andare a copiare, subito ho pensato
al laghetto di Lavarone. Fin da fanciullo lo avevo
visitato, era il tempo in cui con i ragazzi della Parrocchia
si andava, d'estate, a Slaghenaufi, poche case
dove il maso di Eugenio troneggiava potente e noi
ci divertivamo come pazzi a correre, nel campetto
dentro il bosco, dietro al pallone...
Tante storie, anno dopo anno, crescendo
e cominciando, un po' alla volta, a conoscere la Vita.

sabato 16 settembre 2017

Verso l'Autunno


2017 Atmosfera d'Autunno - Acquerello

Le giornate scorrono più veloci,
improvvise le ombre della sera
costringono la luce a cedere il passo,
mentre il silenzio diventa più denso
dentro le folate vivaci del vento del nord.
La pioggia è benedetta, dopo i mesi aridi
di un anno che fa discutere sulle cause.
Chi studia l'atmosfera ci informa ogni giorno
e sottolinea che le responsabilità dell'uomo
sono alte, che dobbiamo fare delle scelte
per invertire una rotta assai pericolosa.
Ma i potenti proteggono interessi forti,
i ricchi non misurano il senso della Vita.
Forse si illudono di rimanere eterni, qui,
in questa nostra meravigliosa Terra
che ci racconta un passato complesso,
e ci chiede di non rimanere indifferenti.
L'Arte è una presa di posizione da parte
di persone che non sotterrano i loro talenti.

venerdì 8 settembre 2017

Soli nella Natura

2017 In cammino - Acquerello

“Nella nebbia”
Strano, vagare nella nebbia!
È solo ogni cespuglio ed ogni pietra,
né gli alberi si scorgono tra loro,
ognuno è solo.
Pieno di amici mi appariva il mondo
quando era la mia vita ancora chiara;
adesso che la nebbia cala
non ne vedo più alcuno.
Saggio non è nessuno
che non conosca il buio
che lieve ed implacabile
lo separa da tutti.
Strano, vagare nella nebbia!
Vivere è solitudine.
Nessun essere conosce l’altro
ognuno è solo.
(Hermann Hesse)
Può sembrare strano l'accostamento di questo acquerello
alla poesia di H.Hesse, scrittore sempre attuale
e acquarellista per ritrovare se stesso e un po' di serenità
di fronte alla drammatica visione della guerra.
La solitudine può diventare una brutta bestia,
ma il tempo dedicato ai colori può ridare senso
anche ai giorni più duri che la vita a volte impone.

Lo stesso Hesse poté scrivere in "Acquarelli":
"...dipingere è meraviglioso, rende più lieti e più pazienti..."

martedì 5 settembre 2017

Acquerello en plein air - Alpe Cimbra


Eccoci al lago di Lavarone, attenti ad osservare il paesaggio
e ad ascoltare i suggerimenti del M° Valerio Libralato,
durante il corso di acquerello promosso a fine agosto
dall'Hotel Grizzly di Fondo Piccolo - Folgaria - Trentino.



                                                Nelle praterie fiorite di Passo Coe...



e in contrà Perprùneri, atmosfera di altri tempi!

domenica 13 agosto 2017

Condino tra silenzi e colori.


 2017 Laboratorio di acquerello a Condino

E' ancora il suono vivace della campanella che risveglia
gli abitanti del convento S.Gregorio in Condino (Borgo Chiese).
La sala di meditazione è avvolta dalla penombra assonnata,
mentre le canzoni scivolano dolcemente verso le persone
e nutrono l'anima che si prepara al silenzio e alla preghiera.



Nel pomeriggio lo spazio è tutto per i colori!










martedì 16 maggio 2017

Natura in Primavera


2017 Cipressi primaverili - Acquerello

Allungo appena un po' il passo mentre osservo le nubi
luminose che fanno a gara per salire sempre più in alto,
là dove ancora possono godere degli ultimi raggi del sole.
I colori della Natura sono già avvolti nell'ora del crepuscolo,
i rintocchi della campana della sera fanno risalire pensieri,
i grandi castagni del bosco si sono riavvolti nel verde,
tutto ormai è nel pieno vigore che solo Primavera sa donare.
Molti anni sono passati da quando, fanciullo inconsapevole,
mi muovevo senza sosta tra prati fioriti, alberi, ruscelli, profumi,
non sapevo dare un nome alla gioia, semplicemente... vivevo!

martedì 9 maggio 2017

Creazione


2017 Montagne al tramonto - Acquerello

Nessuna pretesa mi spinge alla citazione che segue.
Anzi, fin troppo spesso mi rendo conto della grande distanza
che esiste tra la Bellezza che mi affascina e mi attira
e il limite evidente di molte opere con cui tento di esprimere
alcuni aspetti della Vita che percepisco e mi emozionano.
Ma va bene così, importante è esserne consapevoli!

L’istinto di creazione è profondamente radicato nell’essere umano...
La vera creazione fa appello a elementi di natura spirituale. 
L’artista che vuole creare deve superare se stesso, 
andare oltre se stesso, il che significa che attraverso la preghiera, 
la meditazione e la contemplazione, deve elevarsi fino alle regioni celesti
e lì captare alcuni elementi che utilizzerà nel proprio lavoro. 
È a questa condizione che le sue opere supereranno il suo livello
di coscienza ordinario e meriteranno veramente l'appellativo di “creazioni”.

domenica 30 aprile 2017

L'artista e il pensatore


2017 Primavera dopo la pioggia - Acquerello

Per intuire cosa differenzia un artista da un pensatore:

 Hermann Hesse, da “Narciso e Boccadoro“, 

«Le nature come la tua, dotate di sensi forti e delicati, 

gli ispirati, i sognatori, i poeti, gli amanti 
sono quasi sempre superiori a noi uomini di pensiero.
La vostra origine è materna. 
Voi vivete nella pienezza, 
a voi è data la forza dell’amore
e dell’esperienza viva. 
Noi spirituali, che pur sembriamo spesso guidarvi e dirigervi, 
non viviamo nella pienezza, viviamo nell’aridità. 
A voi appartiene la ricchezza della vita, 
a voi il succo dei frutti, 
a voi il giardino dell’amore,
il bel paese dell’arte
La vostra patria è la terra, la nostra è l’idea. 
Il vostro pericolo è di affogare nel mondo dei sensi, 
il nostro è di asfissiare nel vuoto. 
Tu sei un artista, io un pensatore. 
Tu dormi nel petto della madre, io veglio nel deserto. 
A me splende il sole, a te la luna e le stelle…» 

sabato 22 aprile 2017

Giornata Mondiale per la Terra


2017 Primavera - Acquerello

La bellezza è il cibo più prezioso e gratuito
di cui possiamo nutrirci senza pericoli
e che siamo chiamati a proteggere e promuovere,
sempre, in tutti i modi e ad ogni costo!!!

martedì 18 aprile 2017

Lungo il sentiero


2017 - Cipressi - Acquerello

Mi incammino lentamente, e con la testa occupata dai pensieri,
lungo il sentiero che porta dritto ai piedi della collina.
Il bosco ha ormai assunto in pieno il suo aspetto primaverile,
i prati che conducono lo sguardo verso l'orizzonte limitato
hanno perso quasi del tutto il giallo vivace del tarassaco,
adesso i soffioni si fanno accarezzare dal vento leggero ma freddo.
Fra pochi giorni anche loro scompariranno, il cerchio della vita
lascia scorrere veloci i giorni e tutto riappare a prendere il posto
che altri pensavano di occupare per più tempo, magari per sempre.
I cipressi che amo sono spesso presenti nel'ampio panorama,
li osservo volentieri per comprendere meglio la loro forma
che sembra sempre uguale a se stessa. Non è così, invece,
basta un niente, di luce, di aria, di stagioni, di rumori perfino,
perchè il loro corpo slanciato vibri in sintonia con la Natura.
Allora comprendo meglio perchè in certi giorni il mio umore
cambia all'improvviso, forse non è solo ciò che mi abita
a modificarlo, forse sto semplicemente fluttuando con l'Universo.

lunedì 10 aprile 2017

Burano: l'isola dei colori.


2017 Attracco all'isola di Burano

Sono ritornato a Burano con il desiderio,
dopo che mi è arrivata tra le mani
una mia foto alla quale già mi ero ispirato.
Rispetto ad altre che non mi prendevano
e pure di fronte alla pesantezza degli ultimi lavori
cui mi sono dedicato, la leggerezza e la leggiadria
di Burano mi hanno convinto a rientrare
nel tema dell'acqua e dei colori vivi.

domenica 26 marzo 2017

Primavera ritorna


2017 Primavera in collina - Acquerello

Primavera 
(Hermann Hesse)
Percorre di nuovo il bruno sentiero
giù dai monti illimpiditi da venti furiosi,
e dove la Bella s’avvicina, rinascono
teneri fiori e canti d’uccelli.
Seduce di nuovo anche il mio animo
perché in questa purezza teneramente ingemmata
la Terra, di cui sono ospite,
m’appaia un bene e un’amabile dimora.

domenica 19 marzo 2017

Percorsi e colori di Vita


2017 Palude al tramonto

Un acquerello può nascere anche
come risposta al desiderio espresso
dalla persona che ha risposto SI
alla tua domanda di camminarti accanto
e che ancora condivide con te i suoi giorni.
Il pensiero è rivolto oggi, con riconoscenza,
pure ai nostri tre amati figli,
nel giorno dedicato alla Festa dei Papà.

domenica 19 febbraio 2017

Chiusa in Alto Adige


2017 Chiusa - Via Tintori - Acquerello

Questa via della città di Chiusa/Klausen
non l'ho mai potuta ammirare senza sentire
immediato il desiderio di fissare un'immagine
che so, per esperienza, essere sempre diversa.
Ci siamo ritornati ad ogni estate, Cate ed io,
nel periodo di vacanza a Bagni Froy,
scelta motivata dal fascino della montagna
e dall'opportunità che mi è stata offerta
di proporre il mio laboratorio di Acquerello.
Un grazie di cuore lo devo quindi
all'Associazione Amici di Bagni Froy,
che purtroppo quest'anno non potrà
accogliere, come ha fatto per oltre 30 anni,
gli ospiti abituali, molto affezionati,
e quelli nuovi che volessero aggiungersi.
Il soggiorno per l'estate 2017 non sarà possibile,
come si può leggere nella "comunicazione importante"
pubblicata recentemente nel sito associativo.
Rimane viva la speranza che un'iniziativa
così importante e rara possa ripartire
e non venire "chiusa" definitivamente.

lunedì 13 febbraio 2017

Cielo e mare



2017 Marina - Acquerello

C'è uno spettacolo più grandioso del mare,
ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso
del cielo, ed è l'interno dell'anima.
(Victor Hugo)

giovedì 2 febbraio 2017

Bianco di neve sull'altopiano


2017 Pomeriggio nevoso sull'altopiano - Acquerello

"Ama ciò che dipingi..."

Non potrei scegliere frase più adatta per i miei paesaggi,
ancor più se il soggetto principale è la neve.

"La vita richiede coinvolgimento e i sentimenti
sono l'espressione massima del nostro coinvolgimento.
Se ami il tuo soggetto sarai disposto a capirne la forma,
non ti stancherai di guardarne i colori,
non ti appagherai di leggerne le relazioni".
(Il Tao dell'acquerello di G.Cavasino)

Aggiungo un proverbio, giusto per la data odierna:

« Col dì de'a Candeòra
de l'inverno semo fora;
ma se piove o tira vento,
de l'inverno semo ancora 'rento.
 »

 (dialettale veneto)
("Col giorno della Candelora dall'inverno siamo fuori;
ma se piove o c'è vento, siamo ancora dentro l'inverno.")

domenica 22 gennaio 2017

La creazione artistica


Bosco di abeti al tramonto - Acquerello 2017

Il mistero della creazione artistica è il mistero stesso
della nascita naturale (...). Così un artista, vivendo,
accoglie in sè tanti germi della vita, e non può mai dire
come e perchè, a un certo momento, uno di questi germi vitali
gli si inserisca nella fantasia per diventare anch'esso
una creatura viva in un piano di vita superiore
alla volubile esistenza quotidiana. (L.Pirandello)

Così, all'inizio degli anni '90, Mons. G. Ravasi commentava
il pensiero di Pirandello proposto in "Mattutino" di Avvenire:

"Vorrei, però, che questa riflessione riguardasse un po' tutti,
anche coloro che non si sentono particolarmente dotati
dal punto di vista della creatività artistica. In verità,
ognuno di noi possiede un germe di vita che può far sbocciare
anche solo in un piccolo (ma sarà pur sempre delicato) fiore.
La sottolineatura che vorrei proporre è, però, un'altra,
e cade sulla frase finale: tutti infatti dovremmo essere capaci
di creare qualcosa che si situi "in un piano di vita superiore
alla volubile esistenza quotidiana". Guai a quelle persone
che si lasciano incollare solo alla polvere della terra, del tempo,
delle cose, e non sanno mai provare un guizzo di stupore,
un fremito di bellezza, un istante di tenerezza, un seme
di speranza, un momento di contemplazione, di quiete, di pace.

venerdì 13 gennaio 2017

La prima neve


2017 Mattino d'inverno in montagna - Acquerello

Che cos’è la neve? 
Un po’ di freddo, 
molta infanzia.
La presenza pura.


(Christian Bobin)

martedì 10 gennaio 2017

Inverno e vita



2017 - Notte d'inverno


" La nostra vita è un’opera d’arte 

– che lo sappiamo o no, che ci piaccia o no. 
Per viverla come esige l’arte della vita dobbiamo 
– come ogni artista, quale che sia la sua arte – 
porci delle sfide difficili da contrastare a distanza ravvicinata; 
dobbiamo scegliere obiettivi che siano ben oltre la nostra portata, 
e standard di eccellenza irritanti per il loro modo ostinato 
di stare ben al di là di ciò che abbiamo saputo fare 
o che avremmo la capacità di fare". 
(Zygmunt Bauman)

Ringrazio la mia amica Teresa
per questa citazione proposta su FB.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...