Mi farebbe piacere...

Ciao e benvenuta/o in questo Blog. Mi piacerebbe tu esprimessi un pensiero sul mio... mondo di colori. Grazie!

OSCILLARE

(Hermann Hesse)-"Già fin d'allora i sentimenti erano quelli che dovevano restare per sempre: l'incertezza del proprio valore, un continuo oscillare fra l'autostima e lo scoraggiamento, fra un idealismo al di sopra delle cose del mondo e un naturale appetito dei sensi, e come allora, anche cento volte più tardi ho visto quei tratti della mia natura talvolta come una spregevole malattia, talaltra come segno di merito."

mercoledì 10 gennaio 2018

Uomo e Natura


2018 Alberi spogli - Acquerello gen 3

La campagna è brulla e infreddolita.
Anche se la neve sì è presto sciolta,
rimane forte nell'aria il profumo bagnato
che accompagna sempre le nevicate.
Prima è il vento ad annunciare la neve,
non ti sbagli se sei nato e vivi nella terra
che via via hai imparato a conoscere
nelle sue più strane ma anche ripetute
manifestazioni. Per questo ai vecchi
è concesso di raccontarti di altri tempi 
che rimangono dentro l'anima e che a volte
sembrano ritornare per merito dei sensi
capaci di riconoscere, a distanza di anni,
umori e sensazioni mai del tutto scomparsi.
Così si accompagna il cammino dell'uomo
con quello di una Natura che non cessa
di manifestare con forza il suo Amore
per l'umanità, anche se ormai tradita.

domenica 7 gennaio 2018

Case nella neve

2017 Case nella neve - Acquerello dic 30

Ancora ho preso ispirazione da una foto di Adriana Benetti Longhini.
L'Altopiano di Asiago è il suo soggetto preferito ed è quindi per me
fonte molto importante cui attingere, al di là dell'ammirazione.
Quelle case strette tra loro danno la sensazione di una scelta precisa:
rimanere unite per difendersi meglio dal freddo polare che a volte
investe l'Altopiano. Un tempo le soluzioni degli uomini scaturivano
da una profonda conoscenza della natura, nella sua bontà e bellezza,
ma anche nei pericoli che le diverse stagioni potevano presentare.
Il rispetto della natura passa anche attraverso un forte legame
con lei, con le sue manifestazioni, con la piena coscienza
del ruolo che ci è affidato fin dall'inizio della storia umana.

martedì 2 gennaio 2018

Nuovi orizzonti


2017 Angolo di Venezia - Acquerello

"Bisogna aprirsi nuovi orizzonti!"
E' stata l'osservazione di Cate mentre io le manifestavo
la mia soddisfazione per la recente esperienza di Padova.
Ci confrontiamo spesso - quotidianamente -
sulla nostra storia, sul passato, nei suoi vari aspetti,
concordiamo nel considerare che le condizioni di vita
ci hanno condotti, a volte, in percorsi imprevisti
non rispondenti di certo ai nostri desideri e aspettative.
Ma, alla luce di quanto siamo finora riusciti a comprendere,
ogni giorno siamo grati alla Vita e ci auguriamo
che le tante sofferenze e disgrazie, di cui sentiamo dire,
stiano lontane il più possibile dai nostri figli e nipotino Rei, 
dai parenti tutti e amici e... E' un augurio che allarghiamo
con fiducia, per questo ci vogliono di sicuro orizzonti nuovi!

domenica 31 dicembre 2017

Buon e Sereno Anno 2018


2017 Case nella neve - Acquerello 30 dic. (part.)

Le ore scorrono velocissime,
forse il forte desiderio del "nuovo"
spinge anche loro verso la mezzanotte.
Così, ci affrettiamo anche noi ad augurarci bontà, 
felicità, serenità, salute... si può dire che
quello che desideriamo per noi stessi
in questi frangenti lo auguriamo a tutti (quasi...).
Ma è nello spazio quotidiamo
che diventa difficile mantenere fede
ai sentimenti che scaldano la Festa.
Allora potremmo perlomeno tentare
di fermarci a riflettere un po' più spesso
sul senso di mantenere relazioni buone
con le persone, con gli esseri animati e non,
con il mondo intero e l'Universo Uno.

domenica 24 dicembre 2017

BUON NATALE!

2017 Inverno sull'altopiano di Asiago - Acquerello dic. 21 (part.)


Pensiero del giorno: venerdì 22 dicembre 2017
« La primavera, l’estate, l’autunno, l’inverno… Ogni stagione presenta alcune analogie con gli avvenimenti della nostra psiche, e l’inverno è il simbolo delle condizioni difficili della vita. Durante l’inverno, le energie degli alberi si concentrano nelle radici, dove iniziano un grande lavoro. In noi, le radici dell’albero corrispondono al subconscio, e durante l’inverno – vale a dire nelle difficoltà, nella sofferenza e nella solitudine – è lì che si ritirano le energie, nel nostro subconscio; tuttavia esse non rimangono inattive.
Vivere nell’inverno è certamente difficile, ma nell’inverno si prepara la primavera: ben presto tutto rinverdirà e fiorirà di nuovo… È dunque sufficiente essere pazienti e aspettare che le correnti risalgano fino alla coscienza e alla supercoscienza. Per facilitare questo processo, però, si devono conoscere alcune leggi: durante il periodo di freddo, non ci si deve lamentare né ribellarsi e neppure scoraggiarsi, ma solo accendere il fuoco dentro di sé e soffiarci sopra per riscaldare il proprio cuore e quello di tutti gli esseri. »

Omraam Mikhaël Aïvanhov

martedì 19 dicembre 2017

Introduzione all'astratto



Sui tavoli parte della produzione collettiva di sabato...



E' per merito di Anna Busato, acquerellista del Gruppo LVA,
che ho avuto l'opportunità di partecipare al corso:
"Introduzione all'Acquerello astratto", condotto da 
Francesca Lagonia a Padova, nella sede di Artelier.
Ho colto la palla al balzo, sono ben consapevole 
che ad una certa età le occasioni si diradano 
e le forze non sono sempre all'altezza dell'impegno. 
Ma i due giorni sono stati pieni di colori e di gioia, 
le relazioni tra noi sono state molto buone,
addirittura il 2° giorno Antonella ci ha invitati 
a pranzo a casa sua, il risotto al radicchio era speciale,
in un ambiente sereno, luminoso, accogliente. 
Ancora posso constatare che la via è aperta 
e per questo posso semplicemente ringraziare,
anche per le suggestioni natalizie che la città mostrava.
Già Paola mi ha inviato le foto fatte al Pedrocchi,
la domenica mattina, appena prima di reimmergerci
nella gentile atmosfera dei colori vivi e liberi.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...