Mi farebbe piacere...

Ciao e benvenuta/o in questo Blog. Mi piacerebbe tu esprimessi un pensiero sul mio... mondo di colori. Grazie!

OSCILLARE

(Hermann Hesse)-"Già fin d'allora i sentimenti erano quelli che dovevano restare per sempre: l'incertezza del proprio valore, un continuo oscillare fra l'autostima e lo scoraggiamento, fra un idealismo al di sopra delle cose del mondo e un naturale appetito dei sensi, e come allora, anche cento volte più tardi ho visto quei tratti della mia natura talvolta come una spregevole malattia, talaltra come segno di merito."

martedì 21 aprile 2015

Dentro il paesaggio della valle


Il girasole appassito - Acquerello 2015

Rientravo dal passeggio lungo la vecchia ferrovia, un pomeriggio d'autunno di qualche anno fa, ed ero ormai a ridosso delle case dei Ceribella, nella campagna coltivata che dal paese digrada lentamente verso il torrente Astico. Chi ha la fortuna di abitare a stretto contatto con la Natura, di solito destina ad orto il pezzo di terreno più comodo, e lì, spesso - l'osservavo fin da bambino -, alla gioiosa e diffusa presenza dei fiori di campo si unisce la coltivazioni di alcune specie di fiori che ancora - l'Alto Adige e il Trentino ne sono i testimoni più vicini - aggiungono bellezza e profumi al fondamentale patrimonio della cultura-civiltà contadina.
Quando mi addentro nell'ambiente naturale non smetto un attimo di guardarmi intorno, i pensieri a volte se ne discostano e mi distraggono ma subito le immagini riprendono il sopravvento. Fu così che, a due passi appunto dalla contrà, osservando i vari ortaggi ben disposti, mi trovai con sorpresa di fronte ad uno strano, insolito girasole ormai appassito, abbandonato dall'energia vitale con cui per molti giorni aveva rialzato il capo e seguito il lungo corso del sole. Fotografarlo fu un tutt'uno.
Già nei giorni successivi avevo deciso di affrontarlo in pittura, ma la complessità dell'insieme non mi aveva aiutato né io avevo saputo fermarmi in tempo. Così, concludendo con un senso di frustrazione, mi ero detto "scemo" e avevo lasciata lì la cosa.
Questo è il frutto del secondo tentativo e il mio sentire, ora, è di altro tipo. Il breve racconto, invece, si ricollega al post precedente, con cui ho presentato la prima parte del lavoro. Qualcuno potrebbe osservare che avrei fatto meglio a non procedere... tant'è! Qualcun altro cantava "Let it be".

4 commenti:

Pia ha detto...

Cavoli Luigi, è così bello questo girasole che quasi mi commuovo...
Ma quale "let it be"...piuttosto " carpe diem"!!!
Abbraccioniiiii...

Cecco Dotti ha detto...

Bellissimo accostamento di gialli e garanze, dal rosa al violetto, per una realizzazione apparentemente veloce, anche se come dici "sofferta", ma di grandissimo effetto e, aggiungerei, modernissima!
Gli hai reso davvero onore, a quel povero e... semi defunto girasole, e lui senz'altro ti ringrazierà!
Un abbraccio,
Francesco

luigi bluoso ha detto...

Carissima Pia, ho riletto il tuo commento e devo proprio ringraziarti per questa sollecitazione che mi invii perchè io mi decida a credere nel "carpe diem". Un abbraccio e buoni giorni di metà maggio.

luigi bluoso ha detto...

Carissimo Francesco, è bello ri-leggere parole così espressive che possono arrivare da chi è artista e sa osservare - per esperienza e sensibilità - dentro il senso delle forme e dei colori. Poi, esiste forse qualcosa che riusciremmo a conquistare senza un briciolo di sofferenza? Un abbraccio e buona nuova settimana. Luigi

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...