Mi farebbe piacere...

Ciao e benvenuta/o in questo Blog. Mi piacerebbe tu esprimessi un pensiero sul mio... mondo di colori. Grazie!

OSCILLARE

(Hermann Hesse)-"Già fin d'allora i sentimenti erano quelli che dovevano restare per sempre: l'incertezza del proprio valore, un continuo oscillare fra l'autostima e lo scoraggiamento, fra un idealismo al di sopra delle cose del mondo e un naturale appetito dei sensi, e come allora, anche cento volte più tardi ho visto quei tratti della mia natura talvolta come una spregevole malattia, talaltra come segno di merito."

giovedì 21 luglio 2011

Mare Nostrum

Rosapineta - Acquerello 150711

Senza alcuna pretesa di esclusione...
solamente per dire di un percorso di anni,
di passi ripetuti a calcare la sabbia
umida e fresca bagnata dal mare
o arrabbiata e bollente nelle ore di fuoco.
Di giochi e di corse, di lotte con le onde,
di risate allegre e spensierate, di castelli,
di passeggiate belle, conchiglie permettendo,
di pomeriggi beati ad attendere ombre,
lunghe, accompagnate dal volo dei gabbiani.
Una vita, tante vite, colori accesi e persistenti,
sentimenti cresciuti in esperienze condivise,
ora sostegno di un cammino che continua.

venerdì 1 luglio 2011

La Montanina

La Montanina - Acquerello 060611

Appare splendida nella guache, ed è ancora integro il fascino “fogazzariano” che l’ha resa celebre negli anni. Spagnolo fissa con emozione e cura la villa di Antonio Fogazzaro nell’essenza della sua luce, nella vivacità di un colore che gli anni prima hanno corroso e oggi la fantasia sostituisce, nell’architettura salda che la distingue. Emergono a dominare lo spazio pittorico nell’alzarsi dell’insolita facciata piena di luce, per le forti colonne, il grande portale rosso e i ripidi tetti dipinti d’azzurro. I diversi cromatismi cedono la loro luminosità al cielo e la pennellata, di questa realtà ricostruita, raccoglie poeticamente ogni forma vitale. Il prato erboso freme di verdi e di gialli; entrano in dialogo per l’azzurro cancello, l’asimmetrico tronco spoglio e gli alberi dipinti di rosso, di bruno, di verde e giallo, nel costruire, contro il fondo della villa Montanina, l’“opera”, in omaggio alla terra di Velo d’Astico.

(Maria Lucia Ferraguti - Vicenza, estate 2011)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...